Che cosa sono le calze elastiche contenitive

Le calze elastiche contenitive sono chiamate anche a compressione graduata e vengono usate con ottimi risultati quando si è afflitti da vene varicose oppure da altri problemi legati a un’insufficienza venosa e a un ridotto ritorno di sangue venoso al cuore.

Possono avere uno scopo terapeutico o preventivo, a seconda che si voglia impedire il peggioramento delle condizioni dei pazienti oppure per evitare la formazione di trombi.

Bisogna tenere a mente che le calze elastiche contenitive non risolvono i problemi di salute, ma consentono di alleviare in maniera efficace la sensazione di gambe pesanti, gli edemi, i gonfiori e gli altri sintomi caratteristici dell’insufficienza venosa.

Per ottenere migliori risultati è bene indossare questi dispositivi in maniera continuativa, così da esercitare una compressione graduale sui muscoli e sulle vene durante l’intera giornata. Di conseguenza è bene indossarle prima che il gonfiore delle gambe inizi a manifestarsi, preferibilmente la mattina appena alzati dal letto.

Quali sono i tipi di prodotti sul mercato

Sul mercato si trovano tanti modelli e tipi diversi di calze elastiche contenitive compressione graduata: in questo modo si esercita una differente compressione graduata in base alle caratteristiche stesse del prodotto.

Infatti possono essere autoreggenti, gambaletti, monocollant oppure collant. In ogni caso si ha la massima compressione alla caviglia e l’azione delle calze viene esercitata dal basso verso l’alto. Così si facilita la circolazione venosa e il ritorno del sangue al cuore.

La compressione graduata diminuisce man mano che si sale lungo la gamba. In base al tipo di calze elastiche la pressione arriva fino alla coscia oppure al ginocchio. Inoltre occorre distinguere tra tre diverse tipologie, cioè terapeutiche, preventive e sportive.

Le calze elastiche contenitive terapeutiche esercitano una pressione alla caviglia che va dai 20 mmHg (millimetri al mercurio) fino a 50 mmHg.

Di conseguenza i prodotti sono classificati in:

– Classe di compressione IV con compressione alla caviglia superiore a 49mmHg;
– Classe di compressione III, tra i 33 e i 46 mmHg;
– Classe di compressione II, tra i 21 e i 32 mmHg.

Questi dispositivi devono essere usati soltanto su prescrizione da parte di specialisti, dopo aver escluso che il paziente soffra du diabete o di malattie arteriose a seguito di specifici esami mediche. In alternativa l’uso delle calze elastiche può portare a effetti collaterali.

Le calze terapeutiche possono avere la punta chiusa aperta oppure chiusa, appartenere alla tipologia collant, monocollant o gambaletto. Tra queste ultime si ricordano i modelli antiulcera, adoperati per far fronte alle lacerazioni dell’epidermide e legate a patologie venose croniche in fase acuta. In genere se ne indossano due una sull’altra.

Nella maggior parte dei casi le calze elastiche contenitive terapeutiche sono fatte in filati di poliammide ed elasthan. Di conseguenza si lavano facilmente (preferibilmente a bassa temperatura), sono molto igieniche, comode da indossare anche subito dopo un intervento chirurgico. Inoltre il grado di compressione rimane invariato nel tempo.

Al tempo spesso sono davvero morbide, spesso di colore bianco, e antiallergiche perché prive di lattice. Infine è presente un foro di ispezione sulla punta del piede.

Le calze elastiche contenitive preventive sono chiamate anche riposanti e garantiscono una minore compressione. Infatti devono essere indossate per lunghi periodi di tempo e sono pensate per l’uso sul posto di lavoro quando si deve rimanere in piedi per diverse ore consecutive.

Per questo motivo sono molto apprezzate da commesse, cuochi, infermieri, cassieri, camerieri, parrucchieri e addetti alle catene di montaggio. Così è possibile contrastare l’insorgere di vene varicose e avere una prolungata sensazione di comfort.

Questi prodotti hanno un contenuto di cotone superiore al 65%, sono molto morbidi e vengono usati dopo aver svolto prolungate o intense attività sportive per favorire il recupero.

Inoltre appartengono tutti alla classe di compressione I (compressione alla caviglia di 18-20 mmHg): per questo sono un valido sostituto per le calze da donna e da uomo di uso quotidiano.

Infine le calze elastiche contenitive per uso sportivo si caratterizzano per garantire una perfetta traspirazione e un alto livello di isolamento termico. Ciò si spiega grazie all’impiego di particolari filati.

L’obiettivo è consentire lo svolgimento di attività sportive in qualunque momento dell’anno, mantenendo costante la temperatura corporea e garantendo il massimo comfort.

Share.

About Author

Leave A Reply