Anche se ormai sono molti gli italiani che effettuano abitualmente acquisti online, ci sono ancora molti nostri concittadini che temono questo tipo di transazioni. Il fatto di non vedere il venditore in faccia e di dover indicare su un form i dati della propria carta di credito spaventa ancora oggi molte persone, che tendono ad effettuare acquisti solo nei negozi in rete che consentono di pagare in contrassegno, al momento della consegna della merce. Molte persone poi temono anche la possibilità di andare incontro alla classica fregatura: si acquista fidandosi di una bellissima foto vista sul web, per poi trovarsi a casa un prodotto che non rispecchia in nessun modo quello che si è visto. Contro questo tipo di problemi e frodi ci sono però diversi metodi, che permettono a chiunque di trovare in rete ciò che cerca, senza aver paura di acquistarlo

Siti di cui avere fiducia

In rete ci sono tantissimi venditori che propongono merce di ogni tipo. Purtroppo non sono rare le truffe: un negozio propone un bene ad un prezzo imbattibile, che non arriva mai anche dopo il pagamento.Contro questo tipo di truffe ci si può difendere in due modi: il primo consiste nel diffidare dai siti che propongono offerte veramente eccessive; il secondo invece consiste nel cercare in rete i consigli di altri acquirenti, in modo da avere diverse assicurazioni su come funziona il negozio virtuale cui ci stiamo rivolgendo.

Combinando i due metodi si potranno avere anche informazioni aggiuntive, come ad esempio sulla qualità della merce venduta, sui tempi di consegna, sull’eventualità di cercare offerte migliori su altri siti. Un sito nato da poco, con proposte commerciali che rasentano il ridicolo, può spaventare molti. Magari si può provare a fare prima un piccolo acquisto, di pochi euro: se si tratta di una frode non ci rimetteremo cifre astronomiche.

Il pagamento online

Uno dei motivi per cui molte persone temono di fare acquisti online è il pagamento. In pratica dopo aver scelto l’oggetto che desideriamo dovremo indicare al venditore i dati della nostra carta di credito, tutti: nome del titolare, CVV, numeri identificativi. In pratica il venditore potrebbe effettuare degli acquisti a nostre spese perché ha a disposizione un numero sufficiente di dati.

Sempre più siti però permettono di effettuare il pagamento su server sicuri: i dati non vengono indicati al venditore, ma ad un server gestito da un istituto bancario, si pensi ad esempio a Banca Sella. Molte carte di credito poi permettono di fare acquisti solo passando tramite i loro server, cui si accede tramite una password complessa e difficile da decriptare.

Inoltre è possibile aprire un portafoglio elettronico, ad esempio sul sito Skrill. Si tratta di un servizio che permette di associare delle carte di credito o di debito al nostro indirizzo email. Al venditore daremo solo quello, sarà la società di gestione del portafoglio elettronico a perfezionare il pagamento. Su questi e-wallet si possono associare al proprio indirizzo email diversi metodi di pagamento, anche carte prepagate o il proprio conto corrente.

Share.

About Author

Leave A Reply