Lo stile dell’opzione sull’indice S&P/MIB è di tipo europeo. L’orario della negoziazione è dalle ore 9 alle ore 17.40. Per esperienza si consiglia di prestare particolare attenzione ai minuti iniziali e ai minuti finali (i primi e gli ultimi 10-15 minuti), nei momenti vicino all’uscita di dati macroeconomici e a ogni evento che possa comportare un’oscillazione significativa dell’indice azionario: in questi momenti le proposte di acquisto in denaro e le proposte in vendita in lettera possono risultare particolarmente distanti creando forte difficoltà per una agevole e non penalizzante esecuzione di un ordine di compravendita.

Il contratto di opzione sull’indice azionario S&P/MIB è espresso in punti indice e ogni punto indice è pari a 2,5 euro. La dimensione del contratto è data dal prodotto fra il valore del moltiplicatore del contratto e il valore dello strike price espresso in punti indice.

In pratica la dimensione del contratto di opzione sull’indice azionario S&P/MIB con strike price – o base – a 30.000 punti indice ha un valore di 2,5 euro x 30.000 = 75.000 euro. Con una base a 40.000 il valore sarebbe di 100.000 euro e così via.

Il costo del contratto equivale al valore del premio dell’opzione espresso in punti indice moltiplicato per il moltiplicatore del contratto.
Uno strike price a 40.000 e un valore dell’opzione sull’indice di 500 punti indice ha un costo pari a 500 x 2,5 = 1250.

Le opzioni esprimono le quotazioni tramite tick. Si ricorda che un tick sull’indice S&P/MIB equivale a 2,5 euro, 10 ticks ovviamente valgono 25 euro e così via.
Lo scostamento minimo che si può avere in proporzione del valore dell’opzione è in base al valore dell’opzione medesima:

  • Valore dell’opzione da 1 a 100 lo scostamento di prezzo non può essere inferiore a 1 tick: per esempio prezzo denaro lettera: 94-95 94-96, ecc.
  • Valore dell’opzione da 100 a 500 lo scostamento di prezzo non può essere inferiore a 2 tick: per esempio prezzo denaro lettera: 100-102 110-112 110-120 110-130, ecc non può essere ad esempio 110-111.
  • Valore dell’opzione oltre 500 lo scostamento di prezzo non può essere inferiore a 5 tick per esempio prezzo denaro lettera: 500-505 550-560, ecc non può essere ad esempio 500-502 o 500-501.

La liquidazione del premio negoziato avviene solo per contanti il primo giorno lavorativo successivo alla data di negoziazione del contratto per tramite della Cassa di Compensazione e Garanzia.

Le scadenze delle opzioni sull’indice azionario S&P/MIB quotate sono contemporaneamente 10 così suddivise:

  • 4 scadenze trimestrali di marzo, giugno, settembre, dicembre
  • 2 scadenze mensili più vicine
  • 4 scadenze semestrali di giugno e dicembre dei 2 anni successivi a quello in corso.

Una scadenza nuova mensile (mensile, trimestrale o semestrale) viene quotata il primo giorno di borsa aperta successiva all’ultimo giorni di negoziazione della precedente scadenza (mensile, trimestrale o semestrale).

Le negoziazioni di ogni contratto in scadenza termina contestualmente alla scadenza dello stesso ovvero alle 9.05 del giorno di scadenza.
Il giorno di scadenza è il terzo venerdì del mese di scadenza alle 9.05. In caso di borsa chiusa il contratto delle opzioni scade il giorno precedente di borsa aperta.

Per ogni scadenza fino a 12 mesi i prezzi di esercizio sono generati con intervalli di 500 punti indice. Sono quotati ogni giorno su ciascuna scadenza negoziata almeno 15 prezzi di esercizio:

  • 1 at the money
  • 7 in the money
  • 7 out of the money

Per ognuna delle 4 scadenze trimestrali oltre i 12 mesi i prezzi di esercizio sono generati con intervalli di 1000 punti indice.
Sono quotati ogni giorno su ciascuna scadenza negoziata almeno 21 prezzi di esercizio:

  • 1 at the money
  • 10 in the money
  • 10 out of the money

I prezzi di chiusura di ogni giorno sono determinati dalla Cassa di Compensazione e Garanzia.
Il prezzo di regolamento è pari al valore dell’indice della borsa italiana S&P/MIB calcolato sui prezzi di apertura degli strumenti finanziari che lo compongono rilevati il giorno di scadenza.
Se entro la fine delle negoziazioni non fosse determinato il prezzo di apertura di uno o più strumenti finanziari che compongono l’indice, Borsa Italiana ne fissa il prezzo ai fini della determinazione del valore dell’indice, sulla base dei prezzi registrati nell’ultima seduta e tenuto conto di eventuali altri elementi oggettivi a disposizione.

Il giorno della scadenze le opzioni in the money sono esercitate automaticamente. Tuttavia l’esercizio per eccezione è possibile fra le 10 e le 10:30.
Quando, a scadenza, si ha l’esercizio dell’opzione da parte del suo acquirente, la Cassa di Compensazione e Garanzia ne assegna il venditore sulla base di un’estrazione casuale.
La liquidazione avviene per contanti in base alla differenza fra il prezzo di esercizio ed il valore di regolamento dell’indice il primo giorno lavorativo successivo alla data di negoziazione del contratto, tenuto conto del numero di contratti esercitati e del valore del moltiplicatore.
La liquidazione così come il calcolo e la gestione dei margini, avviene tramite la Cassa di Compensazione e Garanzia.

Share.

About Author

Leave A Reply