Ma è davvero così semplice arricchirsi con il trading online? Il trading, o TOL (Trading On Line) è la comoda attività finanziaria gestita direttamente all’interno delle proprie pareti domestiche.

Occorrono pochi strumenti per gestire gli investimenti:

  • una quantità di denaro sul conto corrente
  • un personal computer dotato
  • una buona connessione e il fiuto per gli affari.

Se le prime due casistiche sono alla portata di tutti, il terzo ingrediente, cioè sapere come e quando acquistare e immediatamente rivendere titoli azionari specializzandosi in speculazioni di borsa, è quel queed per pochi e non per tutti.Si allarga la forbice la quale determina il grande broker dal broker mediocre, se non spesso fallimentare.

Sommario articolo:

Tra azioni, obbligazioni e titoli di stato di vari paesi, il buon trader riesce a muoversi con agilità, lungimiranza, cogliendo gli attimi di compravendita sia in entrata che in uscita, accrescendo, a volte in maniera repentina e immediata, il proprio capitale iniziale, creando, in alcuni fortunati casi, un piccolo impero economico, se non divenendo un reale Paperon De Paperoni dell’investimento finanziario, i cosiddetti trader più ricchi al mondo.

Buon fiuto e la conoscenza delle migliori e più efficaci piattaforme di trading online, un personal computer e il fiuto per gli affari sono gli ingredienti grazie ai quali il trader di successo conquista la sua posizione nel ‘giro’ del business, accrescendo il capitale con grande immediatezza e prontezza d’azione.

Diventare miliardari con il trading tramite internet

In questo particolare universo della finanza, una speciale menzione va riservata non alle personalità mediocri o di relativo successo, ma ai grandi trader, coloro che hanno, anche aiutati dalla Dea Bendata, saputo costruire un impero virtuale e concreto nelle somme cospicue accantonate.

Ricorda sempre che in queste righe non vogliamo spingerti verso le facili promesse di un web ‘specchio per le allodole’, nel quale alcuni speculatori senza etica illudono migliaia di persone con facili guadagni anche stratosferici.

Nella prossima classifica un ranking di trader ha comunque dimostrato che fortuna e capacità nel fare trading online, conoscenze economiche, senso dell’affare, costituiscono un buon punto di partenza verso la ricchezza. Si stima che solamente il 10% dei trader mondiali raggiungono il successo, una decina di essi, i più ricchi al mondo, sono davvero arrivati al top della finanza e del guadagno.

In questo selciato lastricato d’oro, molti allocchi, o solamente sfortunati quando non sprovveduti, hanno lastricato il terreno di fallimenti e crolli economici, giocandosi il tutto per tutto, raggiungendo la definitiva e abissale condizione di povertà seguita all’illusione.

La lista dei 10 trader di maggior successo

Chi sono allora i protagonisti di questa top ten del dollaro?

Trader Miliardario George Soros

Fanalino di coda (una coda miliardaria) vede l’ottantaseienne George Soros, un patriarca del trading il quale ha raggiunto il successo già in epoche di pionierismo del Trading online. Il suo personale fondo, denominato Soros Fund Management, gestisce oggi un capitale stimato in circa 29 miliardi di dollari. Basti pensare che solamente nel 2015, Soros ha guadagnato, al netto di tasse e ritenute di legge, ben 300 milioni.

Trader Ray Dalio

Dietro mr. Soros, in posizione numero nove, Ray Dalio, 67 anni, fondatore del maggiore fondo comune di investimento (hedge fund) al mondo, il Brigewater Associates, in grado di gestire oltre 154 miliardi di dollari, una cifra davvero da capogiro.

Israel Englander

Israel Englander si piazza alla posizione numero otto: anche per lui le candeline spente sulla torta di compleanno sono state 67, il suo patrimonio individuale è stimato in 5 miliardi di dollari, ad oggi gestisce all’incirca 34 miliardi di dollari grazie al suo fondo personale, il Millennium Menagement. Israel Englander è considerato nell’ultimo anno come il Babbo Natale dei trader: coloro che si sono affidati al suo fondo, hanno visto riconosciuto un tasso d’interesse netto del 12,5%, affatto male in questo decennio di scarso introito negli investimenti.

Miliardario Davide Siegel

Al numero sette della nostra top-ten Davide Siegel, 55 anni, tra i più giovani dei miliardari del TOL. Il suo fondo, il Two Sigma Investments di cui è co-fondatore, è uno dei più affidabili e crescenti oggi. Il suo capitale è stimato in 32 miliardi di dollari. La sua performance di guadagno del 2015, anno nel quale ad oggi si determinano i guadagni dei trading in attesa dei consultivi 2016, è stata di 600 milioni di dollari.

Trader John Overdeck

Numero sei per il giovane John Overdeck. Con i suoi 46 anni è tra i trader in assoluto più giovani della top-ten e in generale. Pure per lui il guadagno 2015 è stato approssimativamente di 600 miliardi di dollari.
Nel cuore della classifica, risalendo le posizioni, al numero cinque incontriamo il 65enne Davi Shaw, ancora uno dei pionieri del TOL. Un patrimonio di 39 miliardi di dollari e una rendita di 700 milioni del 2015 lo confermano come un Paperone del guadagno online.

David-Tepper

Al numero quattro David Tepper, 58 anni e un patrimonio di ben undici miliardi di dollari, nonché un guadagno di 1,5 miliardi nel 2015. Astuto e in grado di fiutare le ‘bolle’ in finanza, è una vera volpe del TOL.

Trader Steve Cohen

Medaglia di bronzo della classifica a Steve Cohen, da sempre è uno di punti di riferimento dei trader. Fondatore del Point72 Asset Menagement, possiede un patrimonio di 12,7 miliardi mentre il guadagno del 2015 è pure di 1,5 miliardi.

Miliardario James Simons

Argento e posizione numero 2 per James Simons, un vero falco della finanza, founder di lusso dell’Hedge Fund Renaissance Technologies Corp. Possiede oltre 20 miliardi di dolalri e il suo guadagno 2015 è stato stimato in 1,65 miliardi.

Miliardario Ken Griffin

Al top della vetta, medaglia d’oro e solitario detentore della prima posizione mr. Ken Griffin, tra i più giovani trader del web. Con il suo fondo, il Citdell LLC gestisce oltre 25 miliardi di dollari, il 2015 l’ha visto vincente con una stima di guadagno di 1,75 miliardi.
Share.

About Author

Leave A Reply